Carline, sposa a lutto: il fantasma del Duomo di MIlano

 

 

 

La storia del fantasma del Duomo di Milano. Un abito nero. E una figura sfocata accanto agli sposi in posa. In una sola parola, un fantasma. Si chiama Carlina e dal giorno della sua morte, il suo fantasma, per chi ci crede, aleggerebbe sul Duomo di Milano. Lei, racconta un’antica leggenda, era una ragazza di Schignano, un borgo nel comasco, sposa di un ragazzo di nome Renzo.

Dopo un lungo fidanzamento, i due decisero di sposarsi a Milano e Carlina si presentò all’appuntamento vestita di nero: un trucco dell’epoca con cui le contadine fingevano di essere a lutto per evitare che il signorotto per cui lavoravano pretendesse lo “ius primae noctis”.

Nel cuore della ragazza, però, si nascondeva un segreto atroce: durante il viaggio di nozze a Milano con il suo Renzo, infatti, Carlina era incinta, ma di un altro uomo.

Una sera, dopo il matrimonio, i due salirono sul tetto del Duomo e qui Renzo improvvisamente vide la sua amata precipitare, o forse buttarsi perché stanca di mentire, da una balaustra. Il corpo di Carlina, però, non fu mai trovato e di lei da quel giorno non si ebbero più notizie.

La leggenda narra che da quel giorno il fantasma della giovane vaghi nel Duomo, “accogliendo” gli sposi che decidono di promettersi amore eterno in Duomo. Tanti fotografi, infatti, hanno raccontato di aver trovato nei loro scatti una sorta di alone, di immagine, di una donna vestita di nero accanto agli sposi davanti al Duomo.

Quell’alone, per chi vuole crederci, è proprio il fantasma di Carlina.

http://www.milanotoday.it/blog/t_el-see-che-a-milan/fantasma-duomo-storia.html